Che siccome è da luglio che non ci scrivo su questo blogghe non perché non ci abbia niente da dire ma più che altro perché ho avuto un po’ troppo da fare. E allora un amico mi rimprovera sempre che io non scrivo e lui non legge (ciao Teuz) allora mi sono decisa e oggi, che è stato un giorno che di cose da fare ne ho avute fin troppe allora riprendo a scrivere.

Ordunque mi sono trasferita.

Ora abito in Toscana, eh sì mia madre dice che sono una “bagamunda” (vagabonda come si capisce) e non posso certo darle torto.

Ora vivo in un paesino piccolo piccolo con quella metà del letto che russa in attesa di trovare un’occupazione e una casa mia (ne ho bisogno, sia dell’una che dell’altro).

Quindi le mie giornate passano sostanzialmente nello cercare lavoro. Non è mica la prima volta che cerco lavoro.

Prendi il giornale e cerchi negli annunci; guardi su internet; vai alle agenzie interinali.

Ecco, qua non funziona così. Sostanzialmente o vai all’ufficio di collocamento (che ora si chiama in un altro modo Centro per l’Impiego) o conosci qualcuno che conosce qualcuno che sta cercando una persona e che probabilmente tu gli vai bene.

Come la burocrazia.
Qui funziona tutto bene eh, si stacca un filo dal palazzo che penzola di fronte alla finestra, si va in comune si saluta tutti si sale nell’ufficio e si fa la segnalazione. Roba che a Roma ti ci vogliono 6 mesi.

Il problema però è trovarlo il tipo dentro l’ufficio che è uscito, è andato in banca, o giù al bar, o in un altro ufficio o chissà dove.

E Isa, non ti incazzare che te sei cittadina e sei veloce e loro son lenti e allora mi dovrò rallentare pure io.

Ma a me sembra che sto ingrassando.

I.

AVVISO IMPORTANTE: quella fava del mi’ fratello ci ha un suo blogghe nuovo su cui scrive da poco ma insomma ci vale veramente la pena perché lui scrive non bene. Strabene. http://scriptummanet.wordpress.com/ (se ci metto il link viene meglio)

 

Annunci